A seguito dell’halving i miner Bitcoin potrebbero scaricare $5 miliardi in BTC

Secondo un analista di mercato, nei mesi successivi all’halving potrebbe verificarsi un forte deflusso di Bitcoin BTC da parte dei miner, come già avvenuto nei cicli precedenti.

Stando i calcoli di Markus Thielen, capo della ricerca di 10x Research, contenuti in una nota dell’analista pubblicata il 13 Aprile, a seguito dell’halving i miner Bitcoin potrebbero liquidare 5 miliardi di dollari in BTC.

“L’eccesso di vendite potrebbe durare dai quattro ai sei mesi, il che spiega perché Bitcoin potrebbe andare lateralmente per i prossimi mesi  come ha fatto dopo i precedenti halving”, ha aggiunto.

Thielen ha dichiarato che potrebbe accadere di nuovo lo stesso, con i mercati crypto che potrebbero trovarsi di fronte a “una sfida significativa durante una tregua ‘estiva’ di sei mesi”.

Nei cinque mesi successivi all’halving del 2020, i prezzi del Bitcoin sono rimasti in un range tra i 9.000 e gli 11.500 $.

Quest’anno, l’halving avverrà intorno al 20 Aprile, tra soli cinque giorni, quindi i mercati potrebbero non registrare una traiettoria rialzista significativa fino a Ottobre, se la storia si ripete.

Inoltre, i miner tendono a fare scorta di BTC, “portando a uno squilibrio tra domanda e offerta e a un conseguente rally nel prezzo di Bitcoin”, fino all’halving.

Questo si è già verificato, con il prezzo di BTC che nel 2024 è salito del 74% fino a raggiungere il massimo storico di 73.734 $ il 14 Marzo, prima di correggere al di sotto dei 63.000 $ a metà Aprile.

Thielen ritiene inoltre che le altcoin, in particolare, potrebbero subire il peso di questa situazione. Nel corso dell’ultima settimana molte di esse hanno accusato una pesante flessione e tante sono ancora lontane dai picchi raggiunti nel 2021.

“Anche se ci fosse una correlazione tra l’halving e un rally delle altcoin, come alcuni prevedono, l’evidenza storica mostra che in genere il rally inizia quasi sei mesi dopo”.

Thielen ha ipotizzato che Marathon, il più grande miner Bitcoin al mondo, abbia costruito un inventario “che probabilmente sarà venduto gradualmente dopo l’halving per evitare che si verifichi un crollo delle entrate”.

Poiché Marathon (attualmente) produce 28-30 BTC al giorno, ciò potrebbe comportare 133 giorni di offerta aggiuntiva sul mercato più i BTC che produce, che sarebbero 14-15 BTC al giorno dopo l’halving, ha spiegato.

Il ricercatore ha concluso che se tutti i miner dovessero adottare una strategia simile per vendere le scorte dopo l’halving, “questo potrebbe comportare la vendita di un massimo di 104 milioni di dollari in BTC al giorno –  invertendo lo squilibrio tra domanda e offerta che ha causato il rally del BTC pre-halving”.

La scorsa settimana, Peter Thiel, CEO di Marathon, ha dichiarato che il break-even rate dell’azienda si aggira intorno ai 46.000 $ per BTC, in modo da restare redditizio post-halving, pronosticando che è improbabile che si verifichino movimenti di prezzo significativi nei sei mesi successivi all’evento.

Leave a Reply